La SocietÓ Storica Vigevanese | Biografie | CAGNONI Antonio

 
  CAGNONI Antonio 
 

CAGNONI Antonio. Il maestro Antonio, cui è anche intitolato il civico teatro, nacque a Godiasco l’8 febbraio 1828 da Giovanni e Serafina Nobili. A soli 10 anni si verifica il suo esordio di organista in chiesa. Entrato al Conservatorio di Milano all’età di 14 anni, studiò violino e contrappunto e, dopo soli tre anni di frequenza, scrisse le opere: Rosalia di S.Miniato, Don Bucefalo, Il Testamento di Figaro. Nel 1849 diventa maestro di cappella nella Cattedrale di Vigevano, nella nostra città, la sua permanenza durò oltre 20  anni durante i quali compose messe cantate, inni sacri e salmi oltre ad opere liriche: Amori e trappole, Giralda, La valle d’Andorra, La Fioraia, La figlia di Don Laborio, Il Vecchio della montagna, Michele Perrin, Claudia, La Tombola, Capriccio di donna, Papà Martin, il Duca di Tapigliano e Francesca da Rimini.  Nel 1879 passò a Novara come organista in San Gaudenzio e nel 1888 a Bergamo in Santa Maria Maggiore. Fece parte del Consiglio Comunale della nostra città e morì nella città orobica il 30 aprile 1896.



[ Indietro ]