La SocietÓ Storica Vigevanese | Biografie | ORNATI Mario

 
  ORNATI Mario 
 

“nasceva in una vecchia casa a poca distanza da quella magnifica piazza che è vanto di Vigevano il 6 agosto 1887”. (Da Annibale Arano: “Mario Ornati” – Edizioni Enrico Guardoni – Milano 1929) Nel 1897 si iscrive alla Scuola di disegno e decorazione della Fondazione Roncalli, sotto la guida del pavese Vincenzo Boniforti (1866-1904) già allievo del Garberini. Compiuti i 15 anni, come tanti meritevoli allievi della Fondazione, il mecenatismo vigevanese gli concede una borsa di studio che gli permette l’iscrizione all’Accademia di Brera dove frequenta i corsi di Cesare Tallone. Nel 1908 a ventuno anni, ottiene con il massimo dei voti e la lode, il diploma della scuola di pittura. Questo successo gli permette di ottenere la borsa di studio biennale Hayez per il corso di perfezionamento a Roma con Aristide Sartorio.Durante il periodo delle vacanze estive, di ritorno a casa, in omaggio agli insegnamenti avuti quando frequentava la scuola di Vigevano, in collaborazione con il pittore Giuseppe Mentessi decora numerose cappelle della Brianza, senza però cessare l’attività pittorica di cavalletto. Fra le sue innumerevoli esposizioni non dimentica Vigevano dove, in due occasioni 1931 e 1933, presenta lo studio per la realizzazione de “Il Ghirlandaio” e “L’Adorazione dei pastori”, ora alla Galleria Internazionale d’Arte Sacra del Vaticano.Mario Ornati è un altro pittore che, altre all’Arte in generale, ha dato lustro alla scuola vigevanese. Si spegneva a Milano nel 1955. 

 



[ Indietro ]